Birdsite e privacy

Categories: Fediverso

In questi giorni è montata parecchio la polemica su Twitter a proposito della presenza di alcuni sistemi automatici che ripubblicano su Mastodon i tweet di determinati utenti; sono i cosiddetti birdsite, di cui abbiamo già parlato in questo articolo al quale vi rimando per i dettagli.

Anche se il sistema dei birdsite è qualcosa di una po’ borderline a livello di privacy (non è detto che a un utente vada bene che i suoi tweet vengano replicati su una piattaforma differente) era in origine nato con motivazioni differenti, principalmente portare su Mastodon account che lì non esistevano per poterli seguire. E’ evidente che, mentre agli account “istituzionali” questo non crea alcun problema, dato che i loro contenuti sono destinati ad un pubblico molto ampio (pensiamo ai contenuti di un giornale, ad esempio) , la stessa cosa non si può dire per gli account di proprietà di singole persone, che potrebbero non gradire il crossposting dei loro contenuti all’esterno della piattaforma su cui e per cui erano stati generati.

Per quanto sia comprensibile che molti utenti di Twitter non abbiano gradito la replica dei loro contenuti su Mastodon a loro insaputa, segnalo che questo non è un problema di Mastodon, ma di Twitter. Mi spiego: i tweet che scriviamo non sono totalmente privati. Infatti, anche se per leggerli compiutamente è necessario fare accesso alla piattaforma, in realtà non è difficile  trovarli con un comune motore di ricerca. Il problema di privacy è quindi ascrivibile per la maggior parte alla gestione dei dati da parte di Twitter, anche se, come già detto, i birdsite fanno un uso abbastanza disinvolto di ciò che viene pubblicato sul social dell’uccellino azzurro.

Per quanto sia comprensibile che vedere una cosa come i propri tweet spiattellati qua e la per la rete possa non far piacere,  la realtà è che i vostri tweet SONO GIÀ sparsi per la rete, che vi piaccia o no.

Dato che troviamo la pratica dei birdsite comunque non totalmente corretta, nei prossimi giorni interverremo bloccando tutti i siti di questo tipo, in modo che questi contenuti non siano visibili su bologna.one.

Mini spiegone sui birdsite ad uso degli utenti Twitter

Categories: Fediverso

I birdsite sono siti che permettono la realizzazione di un bridge tra Twitter e Mastodon, in una sola direzione (Twitter –> Mastodon). Si basano sul lavoro di un certo Nicolas Constant, sviluppato immagino per motivi accademici e rilasciato sotto licenza Open Source.[1]

Lo scopo del progetto è quello di poter seguire su Mastodon degli account Twitter ritrovandoseli nella propria TL automaticamente. Era stato pensato per poter rendere disponibile su Mastodon degli account altrimenti non presenti, soprattutto account ufficiali di giornali o istituzioni non presenti nativamente su Mastodon.

Il software non crea un clone su Mastodon dell’account Twitter ma si limita semplicemente a creare una connessione tra l’account su Twitter uno fittizio su Mastodon. L’operazione forse non è illegale, ma è abbastanza borderline, in quanto non è detto che singoli utenti “privati” (cioè non ufficiali o istituzionali) siano d’accordo sul fatto che i loro contenuti vengano cross-postati da una piattaforma ad un altra, dove, ad esempio non valgono le stesse regole.

Al momento, da quello che si sia, alcune istanze Mastodon (ad esempio mastodon.social) bloccano tutti i birdsite, mentre altre si limitano a bloccare singoli account su segnalazione degli utenti che si trovano loro malgrado in questa situazione.

Rivolgetevi agli amministratori delle singole istanze per ulteriori informazioni o richieste di blocco.

[1]: il codice del progessto BirdsiteLIVE lo trovate su GitHub (https://github.com/NicolasConstant/BirdsiteLive)

Cos’è sta roba?

Categories: Fediverso

Visto che tutti parlano di Mastodon, noi che ne gestiamo un’istanza abbiamo deciso di creare uno spazio dove mettere notizie, informazioni e altro relative al Fediverso in generale e a Mastodon in particolare.

Ovviamente parleremo di bologna.one, che è la nostra istanza, ma non solo, anche delle altre realtà, italiane e non.

Stay tuned